top of page

Group

Público·499 membros
Hakim Belousov
Hakim Belousov

11 Settembre: Senza Scampo



In 11 settembre senza scampo, il film diretto da Martin Guigui, le vite di un gruppo di sconosciuti in lotta per la loro sopravvivenza si intersecano sullo sfondo di una delle pagine più nere della storia dell'Occidente: l'attacco terroristico al World Trade Center, in cui quasi 3000 innocenti hanno perso tragicamente la vita.11 settembre 2001, due aerei di linea dirottati da alcuni estremisti si schiantano contro le Torri Gemelle nella città di New York. Quella mattina Jeffrey Cage (Charlie Sheen), un banchiere miliardario, sale su un ascensore delle Twin Towers con sua moglie Eve (Gina Gershon), diretto a firmare le carte per il divorzio.Quando il primo aereo colpisce, nel suo stesso ascensore si trovano Eddie (Luis Guzmán), un custode inviato nell'edificio per compiere dei lavori di manutenzione, il corriere in bicicletta Michael (Wood Harris) e Tina (Olga Fonda) una modella russa. Per i malcapitati intrappolati in quella gabbia d'acciaio, l'iniziale confusione si trasforma presto in un incubo mentre realizzano, minuto dopo minuto, il loro triste destino.Senza mai rinunciare alla speranza, ora i cinque sconosciuti dovranno fare squadra e cercare un modo per mettersi in salvo. Ma non saranno soli, in collegamento con loro c'è Metzie (Whoopi Goldberg), l'operatrice degli ascensori che non smetterà per un solo attimo di sostenerli e supportarli, facendo qualsiasi cosa in suo potere per aiutarli a fuggire da quella trappola mortale prima che sia troppo tardi.Guardalo subito su Prime Video




11 settembre: Senza scampo


DOWNLOAD: https://www.google.com/url?q=https%3A%2F%2Ftinourl.com%2F2uefT3&sa=D&sntz=1&usg=AOvVaw1vmrFW1bldmQ5Hani6p0CP



A poche ore dalla ricorrenza dell'11 settembre quando gli Stati Uniti, nel 2001, furono attaccati da quattro aerei da un gruppo di terroristi aderenti ad al-Qaida che provocarono la morte di 2.977 persone, stasera in tv va in onda un film su quella giornata. Oggi 10 settembre su Tv8 c'è "11 settembre: senza scampo" (ore 21,15). Pellicola drammatica di azione del 2017, regia di Martin Guigui, nel cast ci sono Charlie Sheen, Gina Gershon, Luis Guzman. La trama: cinque persone si ritrovano intrappolate all'interno di un ascensore del World Trade Center nel giorno dell'attentato.


Un gruppo di cinque persone si ritrova intrappolato in un ascensore di una delle torri del World Trade Center il 9 settembre 2001. I cinque saranno costretti dalle circostanze a collaborare per cercare di fuggire prima che accada l'impensabile, senza perdere mai la speranza.


La fonte d'ispirazione è il testo teatrale Elevator di James Clarkson, che dopo aver calcato con successo il palcoscenico ha trovato anche il suo adattamento filmico per la regia di Martin Guigui, la cui carriera dietro la macchina da presa non era certo un buon biglietto da visita per dirigere un film ispirato a fatti così tragici e ancora ben impressi nella memoria recente - del pubblico americano soprattutto.Che 11 settembre: Senza scampo non nascesse sotto le migliori aspettative purtroppo era già ben ampiamente intuibile, viste le polemiche generate dalla scelta di casting di Charlie Sheen in uno dei cinque ruoli principali: il popolare attore (del cui viene citato, in un dialogo, anche il ruolo cult nel dittico di Wall Street) è infatti un dichiarato sostenitore delle teorie complottiste e la sua partecipazione ha dato il via a diversi attacchi da parte dei mass-media d'Oltreoceano.Anche senza scavare troppo a fondo nel "dietro le quinte", l'operazione si rivela troppo debole e scontata per suscitare una reale partecipazione empatica da parte degli spettatori, costretti ad assistere per ottanta, lunghissimi minuti ai tentativi di sopravvivenza del gruppo protagonista, rinchiuso per la pressoché totalità della visione all'interno dell'ascensore bloccato al 36esimo piano della torre crollata per ultima.


L'11 settembre 2001 ha cambiato per sempre il corso della storia e il grande schermo ha spesso detto la sua, tra documentari, film a episodi e opere più ambiziose in cui finzione e realtà si mescolavano con risultati soddisfacenti (basti pensare al, seppur imperfetto, World Trade Center di Oliver Stone). A sedici anni da quell'immane tragedia, arriva una produzione canadese a basso budget ispirata a un testo teatrale di successo, a sua volta tratto dalle vicende di veri sopravvissuti dell'attentato, che arruola una manciata di star in caduta libera (Charlie Sheen, Gina Gershon e Whoopy Goldberg su tutti) rinchiudendole in un ascensore di una delle due torri, la seconda a cadere. Quello che poteva essere un interessante gioco claustrofobico, scade ben presto invece nella monotonia e - nonostante l'impegno dell'eterogeneo cast - non si arriva mai a provare sincera affezione per i protagonisti, mentre il senso di apocalisse imminente è limitato dal budget non certo all'altezza di una produzione così ambiziosa. 11 settembre: Senza scampo rischia così di diventare un'infelice e involontaria farsa, solo parzialmente smussata dall'obbligata dedica prima dei titoli di coda a tutti quanti coloro persero la vita in quell'infausto giorno. Il film andrà in onda stasera, martedì 11 settembre, alle 21.15 su CIELO in prima visione tv.


Va in onda su Cielo (canale 26) alle ore 21:15 dell'11 settembre 2018, 11 settembre: senza scampo, film diretto da Martin Guigui. Un gruppo di cinque persone si ritrova intrappolato in un ascensore nella Torre Nord del World Trade Center l'11 settembre 2001. Collaborano, senza mai rinunciare alla speranza, per cercare di scappare prima che accada l'impensabile. Nel cast, figura un nome molto conosciuto del jetset internazionale, per diverse motivazioni: avete capito di chi parliamo?


Nel cast del film, troviamo la presenza dei segunti attori: Charlie Sheen, Gina Gershon, Luis Guzmán, Wood Harris, Olga Fonda, Jacqueline Bisset, Whoopi Goldberg, Bruce Davison, Faune A. Chambers.


11 settembre: Senza scampo è un film del 2017. Un addetto alla manutenzione, due coniugi che devono firmare le carte del divorzio, una donna venuta a rompere con il suo ricco amante, un fattorino sono i 5 protagonisti del film. Restano bloccati in ascensore, tentano la fuga in ogni modo ma non ci riescono, alla fine uno solo di loro perirà ma non sarà da solo.


Capo dell'esercito e ministro della Difesa durante gli anni di Unidad Popular, il generale cileno Carlos Prats è stato tra i pochi militari che hanno mantenuto fino in fondo la loro fedeltà al governo guidato da Salvador Allende. Costituzionalista come Bachelet (padre della attuale presidenta Michelle e ucciso dai sicari delle squadracce pinochettiste dopo umiliazioni e torture subite nelle prigioni clandestine della polizia politica cilena), Prats riteneva che il ruolo delle forza armate fosse semplicemente quello di difendere il governo Allende, democraticamente eletto, ma questo gli costò la vita poco dopo il primo anno trascorso dal golpe che l'11 Settembre 1973 spodestò Unidad Popular dalla Moneda. Il 30 Settembre 1974 infatti, una bomba nascosta in precedenza nella sua auto, lo uccise insieme alla moglie durante la loro permanenza a Buenos Aires. Per questo delitto era stato condannato all'ergastolo Enrique Arancibia Clavel, emissario della Dina (la polizia politica cilena) in Argentina, a cui un mese fa la giustizia ha incredibilmente concesso la libertà vigilata. La vicenda, venuta solo adesso alla luce, ha perlomeno avuto il merito di scoperchiare la trama che stava dietro all'assassinio di Prats, in cui ha svolto un ruolo di primo piano la Cia. Come l'omicidio di Letelier (ministro degli esteri del governo Allende) ucciso con le stesse modalità di Prats il 21 Settembre 1976 con il pesante coinvolgimento degli Stati Uniti e in particolare di Kissinger, anche per il generale cileno risulta l'esistenza di un piano redatto dalla Cia per la sua eliminazione in virtù della sua contrarietà al colpo di stato che poi avrebbe portato al potere Pinochet: Prats pagò la sua fedeltà alla costituzione con la morte e per questo motivo la libertà concessa al suo assassino appare quanto meno discutibile. Ciò che indigna maggiormente di questa sentenza riguarda la concessione di libertà di movimento dentro il territorio argentino: è vero che dovrà mantenere una linea di buona condotta e presentarsi periodicamente di fronte al giudice, però è evidente che questo sembra quasi un regalo offerto su un piatto d'argento per una sua eventuale fuga, poiché le associazioni cilena per i diritti umani gli imputano numerosi delitti come responsabile, per conto di Pinochet, dell'Operazione Condor che tra Cile e Argentina si rese colpevole dei peggiori crimini. Se la famiglia di Carlos Prats ha già annunciato che ricorrerà con tutti i mezzi contro questa decisione così assurda, oltre che offensiva nei confronti di tutti i parenti delle vittime dell'Operazione Condor, i primi a temere una eventuale fuga di Enrique Arancibia Clavel sono i membri della famiglia Elgueta, in particolare Laura Elgueta Diaz, sequestrata e torturata (insieme a Sonia Diaz Ureta ) dalla Dina in Argentina proprio ad opera dello stesso Clavel. Ex cadetto della Escuela Militar de Chile, Enrique Arancibia Clavel era arrivato in Argentina agli inizi degli anni '70 in fuga dalla giustizia del suo paese, che già allora lo cercava per il suo coinvolgimento in attentati dinamitardi. Con l'arrivo al potere di Pinochet scelse di mettersi al suo servizio coordinando dall'Argentina le azioni militare volte alla cattura dei perseguitati politici cileni che cercavano scampo a Buenos Aires. Le sue conoscenze in materia di armi ed esplosivi gli furono utili per piazzare la bomba comandata a distanza nell'automobile di Carlos Prats e della moglie Sofia Cuthbert in collaborazione con l'ex agente della Cia Michael Townley, coinvolto anche nel caso Letelier. Se Enrique Arancibia Clavel risulta essere il principale architetto del piano insieme a Townley, sembra che in realtà tutta la dirigenza della Dina fosse già ampiamente a corrente dell'operazione, tanto che tra i mandanti dell'attentato figura il direttore della polizia politica cilena Manuel Contreras in una storia i cui contorni continuano a rimanere poco chiari e che a un certo punto avevano visto perfino profilarsi l'ipotesi di un coinvolgimento nell'assassinio anche di alcuni esponenti del neofascismo italiano. Per il momento su questa vicenda gravano come un macigno le parole indignate di una delle figlie di Prats, Angelica: "E' stato fatto uno sforzo enorme per assicurare alla giustizia i responsabili delle violazioni dei diritti umani ed ora la giustizia argentina si rende responsabile di una decisone di questo tipo". 041b061a72


Informações

Welcome to the group! You can connect with other members, ge...

membros

bottom of page